Intervista a Jim De Banlieue

premetto che personalmente conosco molto poco la scena rap italiana, specialmente le realtà locali del fenomeno, sapresti raccontare che aria tira?

Purtroppo a Cagliari musicalmente tira una brutta aria c’e’ poca collaborazione pochi eventi dedicati al rap in italia in generale l’ascoltatore del rap rientra nella fascia media tra i 13 anni ai 25 massimo 28 la scena rap italiana e’ concentrata sopratutto al nord italia ma negli ultimi anni anche la scena rap romana e campana si sta facendo sentire a furor di popolo….

Cosa ti ha avvicinato alla musica e quando nasci come artista ?

Sono sempre stato un gran appassionato della musica in generale finché attorno ai 9/10 anni non ho ascoltato per caso i primi pezzi rap di eminem 2 pac, biggie, 50 cent ecc. ecc. diciamo i rapper più esposti mediaticamente in quegli anni, ho iniziato a fare rap da quando avevo sentito mr simpatia di fabri fibra e le prime sfide del 2 the beat (il più grande contest di freestyle italia) ho pensato allora in italia c’e’ qualcuno che rappa io ci provo anche io allora ho iniziato verso i i 14 anni con i primi freestyle se cosi si possono chiamare in piazzetta con gli amici cosi un po per noi un po per passione poi in seguito mi son messo a scrivere i primi testi rap e tutti hanno iniziato a chiamarmi jim per via di una maglia di jimi endrix che indossavo spesso poi negli anni si e’ aggiunto (la belva) per via della mia ferocia sul palco quando facevo freestyle quindi ho combinato le 2 cose e mi son chiamato jim la belva.

12742111_1000732313318077_7073639505037525388_n

Quanto influisce la realtà che vivi e la memoria nel tuo lavoro e quanto influisce la tua musica nella realtà che ti circonda ?
La realtà che mi circonda influisce quasi al 100% sui miei testi ho sempre cercato di raccontare le mie giornate e le giornate dei miei amici o conoscenti infatti il mio primo mixtape di chiama “banlieue mixtape” come i palazzi popolari francesi sono nato e cresciuto a napoli a secondigliano in una dura realtà dove il disagio prende forma giorno per giorno poi ho radici anche nel quartiere popolare di sant’elia dove ho vissuto per un periodo di tempo quindi puoi capire il perché il mio style al 80% fa parte dello “street rap” ho sempre cercato di descrivere quello che mi circonda situazioni difficili e disagio da chi per certi versi e’ dimenticato da questo stato ma senza farne un vanto cercando di raccontare il tutto con molta naturalezza cercando di essere il più leale possibile con me stesso e con l’ascoltatore per me chi vende droga,chi ruba chi non paga le tasse ecc ecc non va elogiato ma non va neanche messo in croce c’è gente che non ha alternative e in qualche modo dovrà pur portare il pane a casa!!

In poche parole il mio rap fa parte di quello che vivo ogni giorno ogni testo e’ come se fosse un cortometraggio di una mia giornata o della giornata di qualcuno che mi influenza di una esperienza o di un stato d’animo
quello scrivo e’ quello che vivo che vedo che sento in parole povero il mio rap e’ fatto da ciò che circonda la mia vita.

Quali sono le tue speranze per il futuro a livello artistico e che speranze ha un giovane rapper proveniente da una realtà locale come la nostra?

Le mie aspettative per il futuro sono di vivere di musica di fare della mia passione un lavoro di portare il pane a casa facendo quello che mi piace ma è dura ci sono moltissimi rapper e molta competizione se non investi tu su te stesso e’ difficile che qualcuno investa nel tuo sogno per quello io e il mio gruppo “n.s.gang” abbiamo racimolato soldi e ci siamo aperti uno studio di registrazione tutto nostro il “magellano record” in modo tale di fare la nostra musica senza dipendere dagli altri, sono il manager di me stesso diciamo, se un giorno godrò del frutto del mio lavoro sara tutto merito mio sicuramente e di chi percorre questo percorso con me, facciamo tutto con le nostre forze e con il nostro portafoglio!

947095_972915889433053_2015008509747389711_n

pagina ufficiale: https://m.facebook.com/Jim-La-Belva-151658428181605/?__mref=message_bubble

Pagina ufficiale N.s.gang: https://m.facebook.com/NSGang-Pagina-Ufficiale-179575862073818/?__mref=message_bubble

Francesco Cogoni.

I commenti sono chiusi.