Maria Lai una Sarda nel mondo

Maria Lai è un Artista Sarda presente in collezioni importanti in tutto il mondo. è stata un’artista nota soprattutto per i suoi libri fatti a mano, che spesso incorporavano ricami, cuciture e altri lavori ad ago.

Nata a Ulassai, Lai ha iniziato a creare arte in giovane età ed è stata in gran parte autodidatta, negli anni ’40 si trasferisce a Torino per studiare all’Accademia Albertina e successivamente si stabilisce a Firenze.

All’inizio degli anni Sessanta, Lai ha iniziato a creare i suoi libri fatti a mano, spesso caratterizzati da cuciture colorate e strutturate e da altri abbellimenti. Ha continuato a creare questi libri unici per tutta la sua carriera, realizzando anche diverse opere d’arte pubblica su larga scala, tra cui un arazzo per il Vaticano e un’installazione gigante fatta di strisce di tessuto colorato per le Olimpiadi estive del 1972 a Monaco.

Le opere di Maria Lai, artista Sarda esposta in tutto il mondo, sono state esposte a livello internazionale e sono conservate nelle collezioni di molti importanti musei pubblici e privati, nella sua produzione artistica. Maria Lai inserisce materiali legati alla cultura e alle tradizioni della sua terra, di cui riscopre storie e leggende.

A partire dagli anni ’70

realizza una serie di opere importanti per il suo linguaggio, i «Telai», nei quali unisce pittura, scultura e tessitura, si dedica ai libri dalla fine degli anni ’70. In essi l’artista utilizza il filo di cotone che passa attraverso fogli bianchi ricavati da lenzuola, come se fosse inchiostro, per formare segni simili a parole.

Libri e telai sono le opere più richieste dell’artista. Alcune delle sue opere sono il «Libro scalpo», presentato nel 1978 alla Biennale di Venezia: «La leggenda del Sardus Pater» del 1990, il «Libro delle formiche rosse» e il «Libro di Maria Pietra»

Per approfondire le sue opere al link: Maria Lai Opere – Bing images

ConnectivArt.