John Lopez Steampunk del South Dakota

Lo scultore John Lopez è uno scultore americano nato nel 1971.

Artista di fama internazionale, che attraverso le sue opere racconta la storia del South Dakota. Le sculture, originali e ricche di dettagli, esprimono meglio di altri elementi il patrimonio naturale, culturale e storico dello Stato.

I ranch della sua gente sono sparsi lungo il Grand River nel South Dakota nord-occidentale, non lontano da dove Toro Seduto nacque e morì nella riserva indiana di Standing Rock. Non lontano da dove migliaia di bufali furono uccisi durante l’espansione verso ovest di coloni e cercatori d’oro. Nei depositi di ossa del Tyrannosaurus rex e degli orsi grizzly. Da quando agricoltori e allevatori hanno popolato questo pezzo di terra di riserva, i veri cowboy hanno lavorato con la corda, marchiando, tosando, fienando e raccogliendo.

Il punto di forza di John sta nell’addolcire i puledri e nel perfezionare le loro stirpi, ha iniziato a scolpire riproducendoli nell’argilla. Catturare ogni sfumatura, ogni muscolo, in questa terra dove gli affari sono ancora condotti davanti a una tazza di caffè e chiedere lo zucchero al vicino di casa è uno stile di vita.

In qualche modo quello stile di vita dove i tempi sembrano essersi fermati, ha visto il passaggio dalla potenza degli animali ai veicoli più moderni. Le carcasse arrugginite di attrezzature scartate testimoniano generazioni di lavoro, e l’artista, che conosce le linee di sangue, le generazioni, le ha raccolte scegliendole tra gli elementi del passato – i veri e propri attrezzi che aravano la terra o tagliavano il grano o scavavano il dinosauro – e ha creato la curva di una mascella, il movimento di una coda, la forza di una spalla.

Il lavoro di John riflette generazioni di una vita che sta svanendo. È una vita vissuta tra fienili e silos di grano, officine e pascoli. È la vita della terra che ama.

http://www.johnlopezstudio.com/about-flatiron

ConnectivArt.