“TENTATIVO DI APPROCCIO ALL’INCONOSCIBILE” Spazio (IN)VISIBILE

 

Spazio (IN)VISIBILE è lieto di presentare:
“TENTATIVO DI APPROCCIO ALL’INCONOSCIBILE”
Installazione multimediale di:
BEPI VIGNA
GILDO ATZORI
DEA Suoni!

Vernissage: Venerdì 06/10/2017 ore 19/30

Apertura dal 06 al 28 Ottobre 2017
Giovedi, Venerdì, Sabato
Ore 19 – 21
Spazio(in)visibile
Via Barcellona75
Cagliari
 

Esiste un ordine esplicito delle cose (explicate order) che è ciò che realmente vediamo attorno a noi, ma esiste anche un ordine implicito (implicate order), che non vediamo e la cui struttura complessiva è identificabile in quella di ogni sua singola parte.

Per rappresentare quest’ordine gli autori hanno provato a immaginare una narrazione che potesse condensarsi in un breve percorso fatto di immagini, suoni e parole, dando vita a un’esperienza tattile, auditiva e visive.

Un racconto che si sviluppa in abisso e dove lo spettatore/fruitore diviene parte attiva della narrazione.

La mostra/installazione è il primo tassello di un percorso di ricerca tra arte e narrazione, dove ogni fruitore della narrazione ne diviene anche protagonista.

Gildo Atzori è un artista che predilige lavorare con materiali inusuali e di recupero, seguendo un percorso stilistico che guarda alla materia e agli elementi naturali come conduttori di significati. Come disegnatore predilige uno stile realistico con una forte attenzione al dettaglio. Insieme a Bepi Vigna ha realizzato diversi fumetti, tra cui Dimonios, la leggenda della Brigata Sassari (Grafiche Ghiani, 2017)

Bepi Vigna lavora da oltre trent’anni come sceneggiatore per la Sergio Bonelli Editore (è uno dei creatiri di Nathan Never e Legs Weaver). Ha pubblicato inoltre racconti, romanzi, diversi testi saggistici e ha collaborato con la RAI come autore radiofonico e televisivo; ha realizzato testi per il teatro e sceneggiature cinematografiche. Giornalista pubblicista collabora con riviste e quotidiani ed è direttore della rivista di cinema Teorema. Come regista ha realizzato video, documentari e cortometraggi.

Precedente Intervista a Maria Antonietta Spiga Successivo Intervista a Daniela Masia