Mariano Chelo “mi sono riappropriato di me”.

Come procede la vita in questo momento difficile?

Direi bene, anzi molto bene, mi sono riappropriato di me.

Stai lavorando a qualche progetto artistico?

Non ho progetti particolari, sto continuando i miei studi sui “MARI” e poi sto cercando di fare tutte quelle cose che non si ha mai tempo di fare, tipo riordinare l’archivio, il magazzino, l’attrezzatura e i colori, ovviamente buttando quelli secchi!

Com’è cambiata la tua arte in una condizione di semi isolamento come quella in cui ci troviamo?

La mia arte non è cambiata, ho solo rallentato, lavoro di meno e penso di più, anche a letto.

Hai modo di tenerti in contatto e condividere la tua arte con i fruitori? Che ruolo giocano i Social in questa battaglia?

Ho sempre avuto la porta del mio studio aperta, vengono a trovarmi tante persone, il rapporto con la gente per me è soprattutto guardarsi negli occhi quando ci si incontra e confronta, con i social ho un rapporto da minimo sindacale.

Che ruolo dovrebbe svolgere l’artista in questo momento storico?

Lo stesso di sempre, fare la sua parte come si usa dire in questo periodo.

Si dice che gli artisti anticipino un po’ i tempi, quindi non dovremo pensare al presente ma a quello che verrà dopo che questo periodo interessantissimo finirà.

Secondo te, come cambierà il mondo, ma sopratutto i mercati dopo la fine del covid-19?

Tutti dicono che questa esperienza mondiale ci cambierà, io credo che ci dimenticheremo tutto molto in fretta e riprenderemo la nostra folle corsa verso il baratro, il coronavirus invade i polmoni non il cervello.

Forse cambieranno alcune cose legate alla tecnologia come il lavoro a distanza o alla scuola, i mercati dovranno recuperare il tempo perso, come in tutti i dopoguerra ci sarà un periodo di ricostruzione dove i più furbi si arricchiranno sulle spalle dei più deboli, insomma, l’uomo non ha capito ancora come si potrebbe vivere bene e in equilibrio in 8000 anni, perché dovrebbe capirlo ora?

Contatti

Sito: www.marianochelo.it

Francesco Cogoni.

Precedente Piercarlo Carella "Il tempo dell'incognita". Successivo Liz Castelletti "le persone hanno voglia di cose profondamente vere".