Intervista a Franco Ballabeni

Franco Ballabeni artista/compositore originario di Milano vive a Colico (Lecco) Lago di Como.

La sua impostazione estetica formale appartiene all’avanguardia che si ispira al dadaismo all’arte povera ed al movimento fluxus.

Dal 1984 partecipa alle principali mostre di poesia visiva, arte postale e poesia sonora in Italia e all’estero.

Quando e come nasce il tuo percorso artistico?

A metà degli anni ’70 a Milano con Scuole di Grafica Pubblicitaria.

Quali persone, artisti ed episodi hanno influenzato maggiormente il tuo percorso?

Principali Artisti:
Nicola Frangione
Gianni Rossi (Teatro C.T H.Milano)
John Cage
Frank Zappa
Kurt Schwitters
Erik Satie
Giuliano Zosi
Luis Bunuel
Ruggero Maggi.

Cosa cerchi attraverso la forma d’arte che utilizzi?

Un “Filo Rosso” tra passato e presente.
 

C’è una parte nella tua ricerca artistica di cui vorresti parlare in particolare?

Il rapporto ambiguo e misterioso tra ARTE e MUSICA – IMMAGINE / SUONO.

Qual è il tuo rapporto con il mercato?

Organizzazione e collaborazioni Nazionali ed Internazionali di Mail Art -Poesia Visiva- Installazioni -Poesia Sonora- Libri d’Arte.

Cosa consiglieresti ad un artista che vorrebbe vivere d’arte?

 . . . Non saprei

Contatti

facebook: https://www.facebook.com/Spazio-DArte-La-Deriva-159741531291903/

Tel.338 8932746

Profilo FB: https://www.facebook.com/franco.ballabeni

Indirizzo E-mail: [email protected]

Pagina Web: https://swite.com/spaziodarteladeriva

Francesco Cogoni.

Precedente FRANCESCA PASQUALI BLOW UP Spazio ERSEL dal 4 dicembre 2017 Successivo “Destino, la Morte di Achille”, opera rock dei VADE