INTERVISTA A DONATELLA SECHI

12717780_10205667965881401_9058356667767670894_n

Ora farò qualche domanda a Donatella secchi che oggi inaugura la sua mostra organizzata da SelArt:

 
Presso il locale Baciando s’ Impara in Via Toscana 1 “Parco della Pace”, 09047 Selargius.

Come sei arrivata a concepire il tuo stile ?

Il mio lavoro è una miscela di tre correnti d’arte, parte dal cubismo che a me piace tantissimo, ho cercato di mettere nei miei lavori tutto quello che a me affascina, il naif e la pop art, amo i colori forti e amo delineare i miei lavori per mettere in risalto le figure, mi sono creata uno stile tutto mio, nei miei lavori prevale la figura femminile.

Come mai per te è così importante la figura femminile ?

La donna porta in grembo un’ altro essere umano è la continuazione della vita

Che tecnica usi e perché ?

La maggior parte dei miei lavori sono fatti con l’acrilico, perchè mi diverte fare i lavori in velocità.

Cosa ti ha portato all’arte come mezzo espressivo ?

Non ti so dire cosa mi abbia portato all’arte è una cosa che hai dentro di te, da piccolissima mi piace creare e stupire.

11225995_10205619612592599_8674371874504183559_n

Come descriveresti l’universo in cui vivono i tuoi personaggi ?

L’ universo lo descriverei pieno di colori

Per te l’arte è pura tecnica o c’è qualcosa di più ?

L’arte non è pura tecnica, ma è molto importante anche lo studio,ricordiamoci che anche i più grandi artisti hanno fatto scuola .

Se avessi possibilità illimitate, come proporresti la tua arte al mondo?

La mia arte la proporrei così come la faccio.

Quanto influisce la realtà locale sul tuo lavoro?

Per te qual’è l’elemento indispensabile per essere un buon artista ?

L’elemento indispensabile per essere un buon artista,essere umili e fare le cose col cuore che ti gratificano non per piacere alla massa ma per soddisfare quello che ti esce dall’anima.

12346298_934958396542070_3591418562099591993_n

pagina facebook: https://www.facebook.com/DodyArte/?fref=ts

Francesco Cogoni.

Precedente INTERVISTA A GIULIOGOL Successivo Intervista a Renzo Cugis