INTERVISTA A DAVIDE LAI

13516365_285437818473298_4019667706350929372_n

Quando e come nasce il tuo percorso artistico?
ho iniziato a fare sketch su carta a dodici anni, dopo aver visto durante una gita dei graffiti dal vivo.
A 15 il primo pezzo.
Da li in poi è stato tutto un procedere per tentativi ed errori, tentando di capire e migliorare.
Ad oggi sono 25 anni che dipingo graffiti, ed ho continuamente nuovi stimoli ed idee per scrivere il mio nome diversamente e sempre meglio.
Quali persone, artisti ed episodi hanno influenzato maggiormente il tuo lavoro?
Chiunque mi influenza, anche un ragazzino con due pezzi alle spalle ma con l’atteggiamento giusto e idee originali.
Io sono molto colpito dal lato umano delle persone con cui disegno, ha sicuramente la priorità sul loro bagaglio tecnico.
Ad ogni modo sono innamorato del classic n.y. style, anche se io istintivamente sono orientato verso cose più affilate e tecniche.
 
Cosa cerchi attraverso l’arte?
Non cerco niente dai graffiti.
Semplicemente, dipingere è la mia vita.
14800664_1294157910628240_747622089_n
C’è una parte della tua ricerca di cui vorresti parlare in particolare?
Non amo parlare troppo di quello che faccio.
Credo che intorno ai graffiti si sia sviluppato un mondo che mi appartiene sempre meno, fatto di troppe chiacchiere e pettegolezzi che stanno rovinando la cultura.
Studio lettere, dipingo lettere.
Sempre.
Qual’è il tuo rapporto con il mercato?
Nullo.
Le mie lettere nascono per i muri e i treni, nient’altro.
Paradossalmente, sono capace di lavorare 5 giorni sotto al sole per chiudere un pezzo fatto a spese mie, con o per una persona che stimo e la tela per lo pseudo esperto di urban art la faccio in 5 minuti facendomi pagare il più possibile.
I graffiti appartengono alle strade,non a musei o gallerie.
Cosa consiglieresti ad un artista che vorrebbe vivere d’arte?
Non fatevi troppe illusioni e disegnate col cuore…
è tutto quello che vi serve per stare bene.
Fama, soldi, sponsor o inviti a convention sono cose che fanno parte di questo mondo, ma se la tua priorità non è mettere l’anima in ciò che fai non ti porteranno da nessuna parte.
14797544_1294159320628099_1020608732_n
Francesco Cogoni.