INTERVISTA A DANIELE DELL’UOMO

13681770_1586964898269519_1832752292_o

Quando e come nasce il tuo percorso artistico?

Il mio percorso artistico nasce già in tenera età ai tempi della scuola media con le lezioni di un professore e artista già affermato e cioè il pittore ciociaro Ettore Gualdini da Frosinone, col quale poi sono entrato in amicizia, poi arruolatomi nell’Arma dei Carabinieri ero a Casale Monferrato ebbi la fortuna di incontrare il pittore ormai defunto Barberis, grande pittore di cavalli che mi aprì veramente al mondo della pittura, infatti li presentai nel 1974 la mia prima mostra nel caffè Giardino ove incontrai vari altri artisti e tra questi Mario Berrino pittore di alassio, fu rapito dalle brigate rosse.

Quali persone, artisti ed episodi hanno influenzato maggiormente il tuo lavoro?

Il pricipale artista che mi ha influenzato maggiormente è Cezanne e poi ancora Gauguin Picasso e tra gli informali Afro e Vedova mi appassionano molto i futuristi per il senso del movimento del colore che ritengo sia il meglio della mia pittura.
Cosa cerchi in arte?

Arte è una piccolissima parola ma che raccoglie tutto, io cerco e ricerco di dipingere con i colori dell’anima senza ripensamenti e con la massima sicurezza per me l’esecuzione di un quadro deve essere immediata cioè pensiero ed esecuzione senza ripensamenti e di getto se ci si mette troppo tempo vuol dire che non è ancora maturata l’idea o il pensiero.

13706314_1586964838269525_2026555586_n

C’è una parte della tua ricerca di cui vorresti parlare in particolare?

Amo tutti i miei quadri, ognuno di essi rappresenta un momento, anche solo un attimo della mia vita.

Per me la pittura è uno strumento per possedere la realtà, un pacifico rapimento di attimi e cose.

Premesso questo ciò di cui voglio parlare è il mio interesse verso la figura del pagliaccio che ha sempre accompagnato sin dagli esordi le mie creazioni, infatti ad essi ho dedicato molto li ho rappresentati in tutti gli stati d’animo e con tutta la mia tavolozza di colori.

Proprio li ho sperimentato il colore e le anatomie nel mio contesto di autodidatta.
Qual’è il tuo rapporto con il mercato?

Il mio rapporto con il mercato è a 360 gradi.

Ho presentato svariate mostre personali e partecipato a tante collettive e concorsi nazionali e internazionali riscuotendo successo di critica e consensi di mercato.

Tra le esperienze ultime ho partecipato all’expo di Milano con Giorgio Grasso, sono presente presso la galleria Excellence art gallery in Marbella Spagna, ho uno studio al centro storico di Alatri il mio paese che è nota per le mura megalitiche poligonali, espongo tutte le stagioni estive a Fiuggi terme presso l’ HOTEL SILVA SPLENDID, i miei quadri sono presenti in varie collezioni private nel modo.

Cosa consiglieresti ad un artista che vorrebbe vivere d’arte?

Per vivere di arte ci vuole molta dedizione, passione e fortuna.

È una passione che se ti fa star bene principalmente con te stesso se coronato dalla vendita ben venga.

13705058_1586964811602861_1101020382_n

Contatti:

mail: [email protected]

fb: https://www.facebook.com/pittoredelluomo/?fref=ts

sito: http://www.danieledelluomo.it/

cell. 3331902030

Francesco Cogoni.

Precedente INTERVISTA A MAX ODDONE Successivo INTERVISTA A NICOLA AGUS