INTERVISTA AD ALESSIO DELI

donna-della-ruggine

Quando e come nasce il tuo percorso artistico?

Il mio percorso artistico nasce quando da adolescente decisi di iscrivermi all’istituto d’arte.

Da li non ho mai smesso di fare arte e di sperimentare le tecniche della scultura.

Dopo il diploma ho proseguito gli studi conseguendo prima il titolo accademico presso l’accademia di belle arti di Carrara, poi presso quella di Roma ho ottenuto l’abilitazione all’insegnamento.
Quali persone, artisti ed episodi hanno influenzato maggiormente il tuo lavoro?

Quando ero piccolo giocavamo tutti in un cortile davanti casa.

A pochi passi, dietro un recinto lavorava un vecchio ceramista.

Spiarlo attraverso i vetri impolverati del suo laboratorio era uno dei nostri divertimenti preferiti.

Ma per me, in particolare, vedere dal tornio che girava uscire spirali di argilla che poi per magia diventavo vasi, anfore, piatti è sempre stato un accadimento fantastico, magico per l’appunto.

In un secondo momento poi, all’età dei 16-17, ho incontrato Umberto Mastroianni.

In pochi sanno, infatti, che il celebre scultore post futurista trascorse gli ultimi anni della sua vita a Marino, che è anche il mio paese natale.

Gli portavo a fare vedere i disegni delle piante grasse disegnate davanti alla stazione  presso il suo studio-abitazione di Casino Colonna tra un affresco del quattrocento e una lettera di Picasso degli anni cinquanta.
Cosa cerchi attraverso l’arte?

Attraverso l’arte cerco di esprimere emozioni e tensioni che animano l’essere umano.

Una sintesi psicologica e spirituale che il soggetto ritratto esprime, ma anche di trasmettere un messaggio di riflessione comunque di vita e di speranza.

mostra-sala-santa-rita

C’è una parte della tua ricerca di cui vorresti parlare in particolare?

Da circa 10 anni conduco una ricerca sul recupero e il riciclo dei materiali cosi detti poveri e destinati a discarica.

Questo tipo di approccio nei confronti della materia caratterizza quasi tutta la mia ultima produzione artistica.

Attraverso questo medium, in costante evoluzione, ho potuto fondere un messaggio culturale altamente  attuale con un immagine visiva altrettanto espressiva e caratterizzante.

 

Qual’è il tuo rapporto con il mercato?

Questa è una domanda stretta per una risposta larga.

In breve mi sento di dire che, il mio rapporto con il mercato, attualmente è un rapporto nel quale si cerca di investire reciprocamente.


Cosa consiglieresti ad un artista che vorrebbe vivere d’arte?

Dipende sempre da più fattori.

Ciascuno di noi reagisce agli stimoli esterni in maniera diversa.

In linea di massima ad un giovanissimo che vuole fare l’artista consiglierei comunque di formarsi in Italia, abbiamo le accademie migliori al Mondo, ma poi di fare subito tante esperienze lavorative all’estero.

donna-di-favignana

Pagina facebook: https://www.facebook.com/Alessio-Deli-Scultore-379973638776880/?fref=ts

Francesco Cogoni.