INTERVISTA AD ALESSANDRA FARRO

qui il link del libro: https://www.facebook.com/alessandra.farro91/?__mref=message_bubble

Quando e come nasce la tua passione per la scrittura?

La mia passione per la scrittura nasce da piccola.

Verso i 10 anni, divoravo la collana “Le Ragazzine” della Mondadori.

Dopo aver letto un libro a specchio, tutta la storia vista dal lato di lei, poi dal lato di lui, ho voluto provare a crearne una mia.

Da lì non ho più smesso.

Quali persone, situazioni o scrittori hanno influenzato maggiormente il tuo lavoro?

Eh, questa risposta non è facile, perché dipende da tanti fattori.

Nel tempo, mi hanno influenzato autori del tutto differenti e anche generi diversi, dal fantasy all’horror, passando per il surrealismo.

Per il momento il mio pezzo di cuore, che devo leggere nei momenti bui, è Boris Vian.

Cosa vuoi esprimere attraverso la scrittura?

Non c’è qualcosa di mirato che voglio esprimere, o meglio, non è sempre lo stesso il punto a cui voglio arrivare scrivendo.

Certamente, in generale, per me l’importante è lasciare qualcosa nel lettore, riuscire a farlo immaginare.

C’è una parte della tua ricerca di cui vorresti parlare in particolare?

Bah, magari di una ricerca passata.

Verso i 16 anni decisi di scrivere questo romanzo ambientato tra Irlanda e Francia nell’Ottocento, chiaramente non fu per niente semplice entrare nella testa di un nobile ottocentesco.

Dovetti studiare parecchio.

Qual’è il tuo rapporto con le case editrici e che possibilità ci sono di emergere per un giovane scrittore?

Il mio rapporto con le case editrici è, tutto sommato, credo abbastanza normale.

Cerco, in ogni caso, di costruire un legame umano con chi ho di fronte.

Per uno scrittore emergente le possibilità ci sono, bisogna impegnarsi tanto, con tenacia, e provarci sempre, credendoci.

Cosa consiglieresti ad uno scrittore che vorrebbe vivere di quest’arte?

Che forse sarebbe meglio se ci pensasse due volte, e lo consiglio, perché è quello che mi dico giornalmente, ma, poi, alla fine, non riesci a farne a meno.

Profilo facebook: https://www.facebook.com/alessandra.fiamma.farro?fref=ufi

sito: https://twitter.com/ale_farro

Francesco Cogoni.

Precedente INTERVISTA A MARI PHIL SCIALDONE Successivo DANIELE SASSON