INTERVISTA A GIULIOGOL

12765712_10207119336133282_591703268_o

Quando hai iniziato a fare arte, cosa ti ha spinto ?

A fare arte a parer mio da sempre.custodisco ancora i disegni dell’asilo, comunque dai primi anni novanta con l’uso del l’aerografo ho incrementato seriamente la mia produzione… , mi ha spinto la stessa cosa che mi spinge ancora adesso, ce l’ho dentro… , mi viene dal profondo e mi fa stare bene. Con l’arte riesco a fermare i pensieri.

Con che mezzi ti esponi al pubblico e cosa vuoi comunicare principalmente?

Ora il mio indirizzo è la street art, tra le tante definizioni mi piace ‘muralista’. Quindi ultimamente indirizzo la mia attenzione sull’arte murale (GEG crew. con DRINA A12, la mia compagna) e vorrei comunicare principalmente serenità. 

12746280_10207119437015804_1808333983_n

Quanto conta la tecnica?

Un’opera senza tecnica per te può essere considerata arte?

A mio parere la tecnica conta molto, è la parte fisica dell’opera, per me importantissima.

Ma esiste anche l’arte concettuale, l’arte quindi non deve avere limiti.

Come si riesce a rendere la propria passione una professione vera e propria?

Fare della propria passione una professione… , devo ancora completamente riuscirci, quindi crederci fino alla morte.

Come vedi il mercato dell’arte e tutto il sistema galleristico e curatoriale?

In passato ho esposto in gallerie nella mia città e probabilmente lo farò ancora, ma è giusto per far cassa.

Cosa consiglieresti ad un bravo disegnatore che tenta di sopravvivere ma non vede prospettive?

Di non fare uccidere o non far morire il bambino che è in lui.

12746351_10207119371494166_225522988_n

Facebook:   https://www.facebook.com/giuliogol?__mref=message_bubble

Instagram: https://www.instagram.com/giuliogol/

Francesco Cogoni.

Precedente Intervista a RICCARDO ANGIUS Successivo INTERVISTA A DONATELLA SECHI