Fidia

Fidia nasce ad Atene nel 490 a.C. circa muore nel paese natale nel 430 a.C. circa è stato uno scultore e architetto ateniese, attivo dal 470 a.C. circa ad Atene, Pellene, Platea, Tebe e Olimpia.

Fu l’artista che meglio riuscì ad interpretare gli ideali dell’Atene periclea, i quali raggiunsero e informarono di sé il mondo greco di epoca classica anche grazie e sulla scorta delle forme fidiache.

Il cantiere del Partenone, per il quale Fidia lavorò come sovrintendente, fu un grande laboratorio nel quale si formò la scuola degli scultori ateniesi attivi nella seconda metà del V secolo a.C., e tra i quali occorre almeno ricordare Agoracrito, Alcamene e Kolotes.

I temi stilistici ricorrenti nelle fonti letterarie antiche sono la preminenza di Fidia nella rappresentazione della natura divina, secondo le modalità della grandezza e della compostezza, la sua versatilità, ossia la capacità di lavorare con differenti materiali applicati a differenti tecniche e infine quello della precisione e della capacità esecutiva.

Gli artisti medesimi dopo la morte vogliono essere celebrati. E perché mai Fidia inchiuse nello scudo della statua di Minerva il proprio ritratto, essendogli stato vietato di porvi il suo nome?

(Cicerone, Le Tusculane: libro primo)

Precedente Cimabue Successivo Intervista a Flavio Tiberio Petricca