Diari notturni 040

Premetto, il testo vuole avere la forma di un diario personale in cui viene descritto il circostante dei fatti ed il flusso di pensieri.

Spesso ho usato esperienze personali di parlare di determinati argomenti o semplicemente per alludere a qualcosa, tutta la storia è inscritta all’interno delle mura di un ospedale durante un ricovero, è stato scritto quasi completamente durante i giorni di degenza, a parte le correzioni.

Le mie conoscenze in merito a materie specifiche sono molto ridotte, perciò ad una seconda lettura l’ho trovato ingenuo ma allo stesso tempo affascinante, perché anche se sommariamente e senza specializzazione, già da allora (2012) toccavo tematiche a me molto care ora.

In questo diario “Il senso del ginepro e lo scrittore monco” le contraddizioni ed i mutamenti del pensiero acquisiscono ancora più senso in virtù del fatto che non erano intenzionali.

 

Francesco Cogoni 2014

Precedente Diari notturni 039 Successivo Diari notturni 041