Diari notturni 038

(parlo delle malattie in generale per abbracciare una categoria, non solo la mia malattia specifica)

La nostra vita in quanto malati, non è una vita semplice, ci si trova costretti sin dall’infanzia a seguire una serie di prassi giornaliere stancanti e ripetitive, solo nella speranza di non far degenerare troppo rapidamente le proprie condizioni di salute, per riuscire nel mantenimento oscillante di uno stato fisico accettabile.
Molti dei problemi di ordine psicologico sono dati proprio da questo senso di impotenza, che piano col calare dell’umore fanno calare anche la voglia di reagire.

I clown son arrivati come arriva il vento a cambiare aria, son arrivati in punta di piedi e mi hanno accompagnato lungo un percorso che seguo con loro da qualche mese e mi son reso conto che, con il naso rosso, cambia l’aria.

Si trasforma l’emozione, la si plasma come si fa con la scultura, come fosse un amplificatore di reazioni.

Francesco Cogoni 2015

Precedente Diari notturni 037 Successivo Diari notturni 039