Diari notturni 036

schema dell’analisi
il rapporto io mondo
l’io a partire dal tu

Lo stile è la forma costante dell’arte di un individuo o di un gruppo di artisti. Nella storia dell’arte serve per determinarne luogo di provenienza e datazione di un’opera e viene studiato nella sua storia, ossia partendo dall’occasione formale che ne vide la nascita, proseguendo con la sua evoluzione e anche la sua eventuale conclusione, seguendo nel contempo tutti i rapporti tra le diverse scuole artistiche. In questo senso sui può parlare di stile individuale o di scuola, legato alle tecniche artistiche e alle scelte attraverso le quali è identificabile un artista o un movimento artistico. In senso generale si può infatti parlare di stile romantico, gotico, barocco, rinascimentale ecc.

Lo stile così dato si viene a configurare come portatore di qualità precise che hanno in sé un significato specifico, capace di definire valori sociali, morali e religiosi sia di un individuo sia di un’intera società, regolandosi in modo a volte normativo, diventando segno di appartenenza a canone, di giudizio di gusto o maniera.

*l’autoritratto (essere alla ricerca di se, conoscere se stessi per conoscere il mondo) 2005

*l’autoanalisi (questione sull’interpretazione)

*diversi modi di vedere e intendere il mondo (discorso sullo stile)

*destrutturare, verso l’informale. dissolversi 2007

*periodo di negazione (///) 2011

*random generetor (discorso sulla casualità e sugli input del mondo) 2012

Francesco Cogoni 2013

Precedente Intervista a Marco Réa Successivo Diari notturni 037