Diari notturni 032

Fare teschi con la carta igienica.

Ho sempre avuto un rapporto ambiguo con la morte, fare teschi di carta igienica era un modo per rendere dinamico un ex voto, ho cominciato a farli nel 2011, durante il periodo nero.

E mi stavo chiedendo se la paura non fosse in realtà un vento.

Come un uragano che si può attraversare solo se accompagnati da imprudenza o sicurezza.

Io imprudenza l’ho abbandonata da tanto, anche se per ogni passo mi faccio sfiorare da lei anche se solo per un attimo.

Mentre sicurezza, se andiamo a vedere bene bene, non l’ho mai conosciuta, c’è sempre una distanza tra noi, è una questione di fede.

Anche se in pochi lo capiscono, è sempre una questione di fede.

 

Francesco Cogoni 2012

 

 

Precedente Diari notturni 031 Successivo Diari notturni 033