Diari notturni 029

“Joseph Beuys; La verità è nella realtà e non nei sistemi”
Su Raglan Road un giorno d’Autunno la vidi
e seppi subito che i suoi capelli scuri
avrebbero tessuto una tela
che un giorno mi avrebbe addolorato.
Vidi il pericolo mentre passavo
sulla strada incantata
E mi dissi, “Il dolore non è
[che una foglia caduta
all’alba del giorno”]A Grafton Street, un giorno di Novembre,
Camminavamo leggeri sull’orlo
Di un profondo abisso dove giace
la fine dei giochi di passione.
La regina di Cuori sempre a far torte (*)
Ed io a non pigliar pesci;
Ho troppo amato e chi fa cosi’
Getta via la felicita’.Le donai i miei sogni
Le donai i segni segreti
Dei poeti che conoscono
Gli dei della musica e della pietra.
Le diedi parole e colori senza posa
E poesie da recitare
Poesie col suo nome e i suoi capelli neri
Come nuvole sui campi di Maggio.Su una via tranquilla,
[dove solo i fantasmi si ritrovano,
Oggi la vedo camminare
Fugge da me cosi’ in fretta
Che posso solo pensare
Di aver sbagliato amando invano
Una creatura d’argilla.
L’angelo che ama l’argilla perderà le ali all’alba del giorno.

Francesco Cogoni 29 giu 2014
Precedente Diari notturni 028 Successivo Diari notturni 030