Diari notturni 028

Citazioni per capire un percorso:
« Gli archetipi sono come i letti dei fiumi abbandonati dall’acqua, che però possono nuovamente accoglierla dopo un certo tempo. Un archetipo è simile a una gola di montagna in cui la corrente della vita si sia lungamente riversata: quanto più ha scavato questo letto, quanto più ha conservato questa direzione, tanto più è probabile che, presto o tardi, essa vi ritorni. »
(Carl Gustav Jung, Aspetti del dramma contemporaneo, 1945)
<<un tempo se ben ricordo, la mia vita era un festino in cui, si schiudevano tutti i cuori, tutti i vini scorrevano. Una sera ho preso la bellezza sulle mie ginocchia e l’ho trovata amara, l’ho ingiuriata.[…] riuscii a far svanire nel mio spirito tutta la speranza umana. Su ogni gioia per strangolarla ho fatto il balzo sordo della bestia feroce. […] mi sono disteso nel fango, mi sono asciugato all’aria del delitto, ed ho fatto dei bei scherzi alla follia. E la primavera mi ha portato il riso orrendo dell’idiota.>> Rimbaud 1873 (ritrovare nella tesina del 2010 cose che oggi…)
Le influenze esterne mi danneggiano.
Francesco Cogoni 3 giu 2014
Precedente Diari notturni 027 Successivo Diari notturni 029