Diari notturni 027

“dire cose grandi è non dire nulla ha lo stesso grado di difficoltà.”
7 lug 2014, 23:52

Usare <<ritardo>> invece di quadro o pittura; opera di vetro diventa ritardo di vetro -ma ritardo di vetro non vuol dire quadro su vetro- o opera su vetro, è semplicemente un modo per non considerare più che la cosa in questione è un quadro/opera- farne un ritardo il più generalmente possibile, non tanto nei vari sensi in cui si può intendere ritardo, ma piuttosto nel loro insieme indeciso.

La precarietà del vuoto è relazionabile alla perdita di certezze, vi è insito un senso di responsabilità nella scelta, come guardare il retro di un quadro e pensare al senso, c’è del mistico come la magia lo è all’origine della scienza.

Il retro dei quadri come i vetri, sono un ritardo mancato per alcuni.

Precedente Intervista ad Ettore Aldo Del Vigo Successivo Diari notturni 028