Diari notturni 021

Oggi ho passato una serata fantastica a Palau.

Ho conosciuto tantissime persone provenienti da tutto il mondo, con la stessa mia passione per l’arte.

Io sono il più giovane, l’unico liceale, provengono tutti da qualche accademia, con loro posso parlare d’arte senza sentirmi strano, anche se qualcuno non lo conoscono però si interessano e lo cercano per capire di cosa sto parlando.

Non ho mai trovato nessuno che provasse realmente interesse per ciò che io amo da sempre.

Ho lavorato ad un quadretto, per denunciare le costruzioni fatiscenti del luogo e raccontare della bellezza dei colori in questa zona, la spiaggia rosa, il mare, la pietra recuperata dal luogo è sostenuta da fili orizzontali di plastica nera ed una verticale in juta, che scende fino a terra, come una fune su cui arrampicarsi.

Lo spirito è sempre stato per me una fune di salvataggio sulla quale arrampicarmi.

Francesco Cogoni 2011

Precedente "I monologhi della vagina" una recensione a freddo Successivo Diari notturni 022

Lascia un commento