Diari notturni 007

“Complicare è facile, semplificare è difficile. Per complicare basta aggiungere, tutto quello che si vuole: colori, forme, azioni, decorazioni, personaggi, ambienti pieni di cose.
Tutti sono capaci di complicare.
Pochi sono capaci di semplificare. […]
La semplificazione è il segno dell’intelligenza.”

Bruno Munari

L’anno scorso ho cominciato a dipingere cieli, avevo smesso di dipingere a nome mio già da diversi anni, anche se qualche disegno a penna che rappresenta nuvole, o comunque degli scatti al cielo senza nient’altro sono presenti durante tutto il mio percorso.

Il caso dei cieli è stato complesso, volevo tornare alla pittura facendo qualcosa che fosse sia formale che informale, sia figurativo che astratto, e che potesse parlare sia dei mutamenti interiori soggettivi, che di quelli collettivi, il cielo, semplificando era ciò che si avvicinava meglio alla complessità che volevo rappresentare.

Ma quest’idea l’ho da subito vissuta in maniera molto poetica.

Francesco Cogoni 2017

Precedente Intervista a Jay "A Mad Tea Party" Successivo Diari notturni 008